La vita grida e attende la nostra risposta: D'Orbigny

Ogni incontro richiede apertura, coraggio, disponibilità

a lasciarsi interpellare dal volto e dalla storia dell’altro”.

Papa Francesco



D'Orbigny appartiene alla zona rurale della Parrocchia di San Pedro Apóstol a Yacuiba (Bolivia), dove svolgiamo il nostro lavoro pastorale.



Si tratta di circa 35 comunità di popolazioni autoctone, "Matacos", o come si chiamano "Guaynayé", che vivono secondo le loro tradizioni e costumi, sulle rive del fiume Pilcomayo, confine tra Bolivia e Argentina.


Sono soprattutto villaggi di pescatori, e per questo stanno cercando di costruire una cappella o un tempio al loro patrono, "Gesù il buon pescatore", nella cittadina, dove condividono con i "criollos" o meticci, la scuola, la stanza di assistenza della salute, e un Tinglado, o spazio coperto che ci permette di riunirli in gruppi quando li visitiamo.


Vivono in gruppi familiari che compongono circa 30 adulti e più di 70 bambini in ogni insediamento. Ognuna delle comunità ha il suo “capitano” o capofamiglia, con alcuni dei quali hanno più frequenti comunicazioni; e coloro che ci fanno da traduttori durante le nostre visite. Durante la stagione in cui non c'è pesca, vivono raccogliendo frutta e cacciando in montagna.


Il sacerdote e le pastorelle condividono con noi:

“All'inizio, nei nostri primi incontri, siamo venuti come missionari e loro sono scappati da noi. Ma a poco a poco stavamo trasmettendo ai capitani che non avevamo altra intenzione che condividere con loro per un po', portare loro cibo e vestiti, soddisfare i loro bisogni e, soprattutto, essere presenti e ascoltarli. Non cercavamo altro interesse, se non quello di imporre loro qualcosa, a livello sociale, politico o religioso.


Abbiamo iniziato a portare audio, musica, a fare commedie, dolci, poi con alcuni missionari laici, abbiamo fatto campagne per raccogliere e portare loro vestiti, cibo, medicine, ecc., per incontrarli e farci conoscere.


Abbiamo realizzato la mangiatoia vivente per Natale e uno dei capitani ha tradotto le storie del Vangelo nella sua lingua. Abbiamo iniziato a giocare con i bambini, e ora loro si avvicinano e accettano i nostri gesti o espressioni di affetto, ci insegnano le parole nella loro lingua, ... e allo stesso tempo incoraggiamo la comunità parrocchiale a essere "fuori" verso questi fratelli e sorelle con bisogni primari insoddisfatti”.


Queste comunità di Guaynayé si trovano a circa tre ore da Yacuiba, lungo strade difficili e impraticabili quando piove. L'incontro con 3 delle 35 comunità è appena terminato. Alcuni di loro stanno andando nella boscaglia. Dall'altra parte del confine, in Argentina, si trovano le comunità autoctone di Santa Victoria, Salta, dove anche le suore pastore di Salta organizzano la missione.


Condividiamo alcune foto in modo che possiate conoscerle. Sono le nostre periferie esistenziali, terra di missione, dove tutto deve cominciare, “dalla mangiatoia”. Ma allo stesso tempo è la terra dove siamo missionari, dove il Vangelo ci chiama ad annunciare, dove la vita grida e attende la nostra risposta.


“Andate e annunciate la Buona Novella ad ogni creatura”


Suore Pastorelle

Comunità di Yacuiba, Bolivia



14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti