top of page

Vescovo di Pemba a Verona

Nei giorni 29 e 30 agosto scorsi, la comunità “Alberione” di Verona, ha ricevuto la visita del vescovo di Pemba (Mozambico), Mons. António Juliasse. La sua presenza tra noi è stata semplice e fraterna: ci ha portato i saluti e le notizie delle Pastorelle di Pemba; abbiamo celebrato insieme l’Eucaristia (per lui era la prima volta che celebrava in italiano!) e con lui abbiamo fatto anche una brevissima visita alla comunità di Negrar (VR) dove ha potuto salutare le Juniores mozambicane Jacinta e Atija.

Il Vescovo ci ha condiviso la situazione che stanno vivendo a Cabo Delgado. Purtroppo, diceva mons, António, la guerriglia continua a terrorizzare la popolazione soprattutto in alcune zone del Nord di Cabo Delgado, in particolare Macomia, Mueda e Muidumbe e, molte sono le atrocità che affliggono quella terra. Di questa situazione abbiamo avuto anche una significativa testimonianza dalla giovane Marta di Mueda, durante l’incontro della gioventù (GMG) a Lisbona (Portogallo), la quale ha vissuto in prima persona gli orrori del terrorismo jihadista che dura ormai da 6 anni.


Ma la venuta in Italia di mons. António aveva ben altre finalità: partecipare alla formazione dei vescovi di recente nomina promossa dal Vaticano e, allo stesso tempo, incontrare alcuni benefattori della Diocesi di Pemba tra cui il “Centro Missionario di Mantova”. Infatti, il 30 agosto pomeriggio, nella curia di Mantova, Mons. António ha espresso il suo sogno durante un incontro in cui erano presenti: Mons. Marco Busca, vescovo di Mantova, alcuni membri del Centro Missionario diocesano (don Gianfranco Magalini, don Luigi Caramaschi e la sig. Gloria), sr Cesarina e la sottoscritta.


Il sogno è di poter dare al Santuario Diocesano di Pemba, dedicato alla Madonna di Fatima, una sistemazione materiale e un decoro religioso per accogliere gruppi di pellegrini non solo per il mese di maggio, ma tutto l’anno. Quasi un centro di spiritualità mariana; per questa opera, Mons. António, accennava alla possibilità di avere, come ‘fidei donum’ una coppia di sposi per un tempo prolungato di uno o due anni.


La proposta è stata accolta favorevolmente da Mons. Busca e dai membri del Centro Missionario; per il futuro, da ambo le parti, hanno assunto impegni concreti per dare avvio a questa bella e significativa collaborazione tra le due Diocesi.


Non è mancata la possibilità di salutare la comunità delle Pastorelle di Mantova (Lunetta), dove sr Zita (mozambicana) ha fatto gli onori di casa, e ci ha portati a visitare il santuario della Madonna delle Grazie, presso Mantova, ammirare le bellezze della città e dei laghi che la circondano, descrivendola come una piccola Venezia.


Il 31 agosto mons. António ha proseguito il suo viaggio e, vicendevolmente, ci siamo scambiati un grande GRAZIE!

sr Dina Ranzato, sjbp


84 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page