Formazione Permanente dell'Arcidiocesi di Porto Velho

Dal 12 al 16 settembre 2022 l'arcidiocesi di Porto Velho/RO ha tenuto un altro incontro di formazione permanente per agenti pastorali, con la presenza di religiosi e religiose, laici e laici coordinatori della pastorale.



In questo incontro, la realtà della Chiesa locale di fronte alla situazione attuale, le sfide per l'evangelizzazione tenendo conto dell'ambiente, della famiglia, dei popoli tradizionali e autoctoni, dei quilombolas, dei rivieraschi e degli indirizzi pastorali e amministrativi dell'Arcidiocesi verso il suo primo centenario.


Il primo giorno è stato il momento per conoscere un po' la realtà dell'Amazzonia e i grandi problemi che la Chiesa deve affrontare in questa realtà. I professori dell'Università Federale di Rondônia (UNIR) – Ricardo Gilson da Costa, del Dipartimento di Geografia e Afonso Maria das Chagas, del Dipartimento di Scienze Sociali, sono stati incaricati di portare questa Analisi della Congiunzione e dei Conflitti in Amazzonia.


Per il professor Ricardo da Costa, la Chiesa cattolica ha un ruolo fondamentale nella sensibilizzazione sull'importanza della conservazione, per la sua missione a favore dei poveri e in difesa dell'Amazzonia, soprattutto dopo il Sinodo: “La Chiesa ha un importante ruolo sociale ruolo, perché è riconosciuto nella società. Ha una responsabilità verso i più poveri e una responsabilità verso l'Amazzonia, come discusso al Sinodo; che è prendersi cura della nostra Casa Comune. Questo è un ruolo importante e la Chiesa deve assumerne sempre di più”.


Per il professor Afonso das Chagas, nonostante la sua presenza attiva, la sua testimonianza, la Chiesa ha bisogno di riscattare il suo protagonismo nelle diverse realtà amazzoniche, principalmente nella difesa dell'ambiente e delle popolazioni autoctone: "La Chiesa cattolica in Amazzonia ha una bella storia . Lei, da molto tempo, è servizio, presenza, profezia, testimone. E tutta questa azione significa un ritorno alle origini, salvando un po' questo protagonismo, adattandone il linguaggio ai tempi di oggi”.


Questo sguardo all'Amazzonia, alla sua gente e alle sue risorse naturali, ci sfida sul ruolo della società nella conservazione della vita, in tutte le sue dimensioni. Non siamo contrari al progresso, come dice Dom Roque Paloschi, arcivescovo di Porto Velho, ma dobbiamo farlo con responsabilità. “Non abbiamo alcuna opposizione al progresso, allo sviluppo. Ciò che non possiamo intendere come sviluppo è ciò che distrugge la natura, toglie i diritti dei popoli già sanciti dalla costituzione. Ma tutto questo dobbiamo guardare con gli occhi della fede. Qual è la nostra missione in questo momento in Amazzonia? È soprattutto avere il coraggio di intraprendere piccole iniziative per avere veramente cura del giardino di Dio: raccogliere e differenziare i rifiuti riciclabili, curare le sorgenti, preservare il bosco ripariale di fiumi e torrenti, evitare i veleni che spesso utilizziamo su su larga scala. ; ma dobbiamo anche stare attenti alle nostre case, ai patii delle comunità, ecc.”, sottolinea l'Arcivescovo.


Il secondo giorno dell'incontro è stato il momento di esplorare e conoscere un po' di più i Cammini della Chiesa in Amazzonia; tema consigliato dalla professoressa/dottore Márcia Maria de Oliveira, dell'Università Federale di Roraima. La formazione si è basata sul Documento Santarém 50 anni: Gratitudine e Profezia, preparato in occasione del IV Incontro della Chiesa Cattolica in Amazzonia svoltosi a giugno, nella città di Santarém nel Pará, ricordando il primo incontro a Santarém che ha avuto luogo nel 1972, che trattava di “Vita ed evangelizzazione nella regione amazzonica”. L'incontro di Santarém del 1972 è stato molto importante per stabilire le linee prioritarie che si sono susseguite negli anni successivi, fino ai giorni nostri. “Non c'era modo di percorrere le strade dell'Amazzonia se non alla luce del Documento di Santarém, che mira a guidare la Chiesa in Amazzonia nella prospettiva del Concilio Vaticano II”.


Il terzo giorno dell'incontro è proseguito con lo studio del Documento di Santarém 50 anni: Gratitudine e Profezia, sotto il coordinamento della Professoressa/Dottoressa Márcia Maria de Oliveira. Il momento è stato di approfondimento, di approfondimento sulla missione fatta in gruppi e poi condivisa in plenaria.


Questa formazione è stata di fondamentale importanza per approfondire la conoscenza della realtà. Il documento di Santarém ci porta questa visione 50 anni dopo, dove riprende l'intero cammino della Chiesa, con molti progressi in vari settori. Nel 1972, l'incontro servì ad aggiornare le sfide del Concilio Vaticano II. Oggi ci sta aiutando a guidarci per il Sinodo, in particolare per l'Amazzonia, e ad aggiornare ciò che le grandi sfide di oggi ci presentano”. L'incontro si è concluso così con la Santa Messa, presieduta dall'arcivescovo Roque Paloschi.

sr Rosilda de Lima, sjbp



17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti